Centro Talea è un Centro di Psicologia, Psicoterapia, Formazione per Aziende, Adulti, Adolescenti, Coppie, Bambini e Famiglie. È diretto dalla Dott.ssa Rosa Versaci, Ph.D, Psicologa e Psicoterapeuta.

Il Centro ha un approccio multidisciplinare ed interdisciplinare, il cui scopo è rispondere alla complessità della richiesta di cura rendendo concreta la centralità dell’individuo.

Il Centro si avvale della collaborazione di Psicologi e Psicoterapeuti di diversi orientamenti, Ostetriche, Psicomotriciste, Pedagogiste.

Da sempre sostiene il progetto “Caffè Letterario – Esperimenti per una nuova cultura” che nel 2016 è diventato Associazione culturale.

 

Cosa Facciamo?

Psicoterapia individuale; Psicoterapia di coppia; Psicoterapia di gruppo; Attività di counseling psicologico; Laboratori di psicoterapia; Colloqui di sostegno alla genitorialità infantile e adolescenziale; Percorsi fertilità e nascita; Trattamento stati ansioso-depressivi e degli attacchi di panico; E.M.D.R. (Eye Movement Desensitization and Reprocessing); Conferenze; Esperienze a mediazione artistica (fotografia, pittura, teatro, musica e scrittura); Meditazione; Team Building.

Chi è lo psicoterapeuta?

Lo psicoterapeuta è un professionista, laureato in Psicologia o in Medicina, che ha conseguito una specializzazione post-universitaria di almeno quattro anni in Psicoterapia, presso scuole di specializzazione universitarie o istituti privati riconosciuti dal M.I.U.R.
Il termine psicoterapia significa “cura dell’anima” e fa riferimento alle terapie della psiche che si servono di strumenti psicologici, quali il colloquio, la relazione, le prescrizioni terapeutiche, con l’intento di creare un cambiamento, nei processi psicologici o nei comportamenti, orientandolo verso il ben-essere e in direzione opposta al mal-essere.
Per la psicoterapia della gestalt lo scopo della relazione terapeutica è ristabilire un contatto fluido con l’ambiente. “Il paziente si rivolge al terapeuta per aiuto perché è incapace di aiutarsi da sé.”(Perls et al.,1951, pp. 59). Il terapeuta fonda l’intervento clinico sul sostegno delle “parti sane” e sulle risorse di cui dispone ciascun individuo per poter insieme superare l’impasse cioè una situazione in cui non gli arriva alcun aiuto dall’ambiente e il paziente pensa di non avere risorse in sé stesso per far fronte alla situazione.
Le sedute terapeutiche aiutano quindi il paziente a riscoprire la propria capacità innata di stare nel mondo, relazionarsi, scegliere e cambiare.

Perché si inizia una psicoterapia?

Diverse sono le ragioni. Quando un adulto arriva a consulto spesso lo fa perché sta male e vuole uscire da questa condizione dolorosa il più velocemente possibile, altri giungono perché hanno già sperimentato tutte le strade possibili, altri ancora si rivolgono per un bisogno nato improvvisamente in particolari circostanze di vita non più sostenibile, spesso su consiglio di persone care. Tutti hanno in comune l’urgenza della richiesta, ma la domanda a volte è confusa ed il primo passo da affrontare è darsi il giusto tempo per ascoltarsi e far affiorare il reale bisogno.
Con maggiore frequenza si affacciano al percorso psicoterapeuti quelli che mi piace definire i viaggiatori che vogliono migliorare la loro condizione di vita senza necessariamente un bisogno di cura impellente. La psicoterapia diventa dunque un viaggio alla scoperta di sé.